CIELO DI FEBBRAIO

I

Cielo di Febbraio

Il cielo è ancora dominato dalle grandi costellazioni invernali. Protagonista del cielo in direzione meridionale è sempre Orione, con le tre stelle allineate della cintura (da sinistra: Alnitak, Alnilam e Mintaka) ed i luminosi astri Betelgeuse (rossa) e Rigel (azzurra).

Più in alto troviamo ancora le costellazioni del Toro con la rossa Aldebaran, la costellazione dell'Auriga con la brillante stella Capella, i Gemelli con le stelle principali Castore e Polluce. A sinistra in basso rispetto ad Orione, il grande cacciatore, nella costellazione del Cane Maggiore, brilla la notissima Sirio, la stella più luminosa del cielo. Ancora più in alto, verso sinistra, la raffigurazione della caccia è completata dal Cane Minore, dove risplende Procione. Verso Ovest, nelle prime ore della sera, c'è ancora tempo per veder tramontare le costellazioni autunnali di Andromeda, del Triangolo, dei Pesci e dell'Ariete.

Restando tra le costellazioni zodiacali, un po' più impegnativo è invece il riconoscimento della piccola e debole costellazione del Cancro, visibile tra i Gemelli e il Leone, che vedremo sorgere ad Est, seguito dalla Vergine.

Prendendo a riferimento la Stella Polare, possiamo riconoscere alcune note costellazioni del cielo settentrionale.

A Nord-Ovest riconosciamo Cassiopea con la sua caratteristica forma a "W"; tra Cassiopea e il Toro è facile individuare la costellazione del Perseo.

Più spostata a Nord-Est si trova l'inconfondibile Orsa Maggiore, vicino alla quale possiamo riconoscere la piccola costellazione dei Cani da Caccia.

Il Sole

For more data go to http://sdo.gsfc.nasa.gov/data/

Si trova nella costellazione del Capricorno fino al 16 febbraio, quando passa nella costellazione dell'Acquario.

1 febbraio: il sole sorge alle 7.25; tramonta alle 17.26
15 febbraio: il sole sorge alle 7.08; tramonta alle 17.44
28 febbraio: il sole sorge alle 6.49; tramonta alle 18.01

La durata del giorno aumenta di 1 ora e 11 minuti dall'inizio del mese.


(Gli orari indicati sono validi per una località alla latitudine media italiana).

LA LUNA

FASI LUNARI FEBBRAIO 2019

.
DATA ...... ...... .. FASE .. ...... ORARIO

04/02//2019 . .. . ... LUNA NUOVA . .... .... ....22h 04m

12/02/2019 ...............PRIMO QUARTO.........23h 26m

19/02/2019 ...... .. . LUNA PIENA... .. .. . ....161h 53m

26/02/2019 ........ULTIMA QUARTO......... ...121h 28m











Pianeti

Mercurio: nel corso del mese si verificano delle buone opportunità per l'osservazione del pianeta in orario serale, poco dopo il tramonto del Sole. A inizio febbraio Mercurio è ancora inosservabile, reduce dalla recente congiunzione con il Sole. Nella seconda parte del mese il pianeta tramonta oltre un'ora dopo il Sole: c'è quindi la possibilità di individuarlo sull'orizzonte ad Ovest tra le luci del crepuscolo. La massima elongazione serale si registra il giorno 27, quando Mercurio si trova ad una distanza angolare dal Sole di 18° 08' e tramonta un'ora e 34 minuti dopo il Sole.



Venere: il pianeta più luminoso è osservabile al mattino presto prima del sorgere del Sole, ma il suo intervallo di osservabilità si riduce sensibilmente. Se all'inizio del mese Venere sorge circa 3 ore prima del Sole, a fine febbraio questo accade con meno di due ore di anticipo. Venere sarà quindi sempre più basso sull'orizzonte orientale, dove possiamo osservarlo tra le prime luci dell'alba. Nel corso del mese Venere attraversa quasi per intero la costellazione del Sagittario, terminando il mese vicino al limite con il Capricorno. Da segnalare la congiunzione con Saturno del 18 febbraio.


Marte: niente di nuovo sull'orizzonte occidentale per il pianeta rosso. Come nei mesi precedenti, Marte, unico pianeta tra quelli visibili ad occhio nudo presente nel cielo della sera, rimane visibile ad ovest nelle prime ore della notte, con minime variazioni del proprio intervallo di osservabilità. Unica novità significativa, il passaggio, il 13 febbraio, dalla costellazione dei Pesci a quella dell'Ariete.



Giove: dopo la congiunzione con Venere dello scorso mese di gennaio, la situazione sull'orizzonte orientale si è invertita. Adesso è Giove a trovarsi più alto in cielo rispetto a Venere, e ad avere quindi un maggiore intervallo di osservabilità al mattino presto, prima dell'alba. Mentre Venere si abbassa sempre più verso l'orizzonte, Giove si mantiene sempre nella costellazione dell'Ofiuco, dove possiamo vederlo sorgere quasi contemporaneamente alla stella Antares nella vicina costellazione dello Scorpione.



Saturno: Saturno completa il terzetto di pianeti brillanti osservabili nel cielo del mattino, sull'orizzonte orientale. Le sue condizioni di osservabilità sono molto simili a quelle di Venere, con il quale si trova infatti in congiunzione il 18 febbraio. Saturno si trova ancora nella costellazione del Sagittario. Il 2 febbraio Saturno sarà occultato dalla Luna (v. paragrafo “congiunzioni”).



Urano: il pianeta è ancora osservabile nelle prime ore della notte. L'intervallo di tempo disponibile per individuarlo si riduce gradualmente con il passare dei giorni. Lo si può cercare ad Ovest, con l'ausilio di un binocolo o di un telescopio, essendo al sua luminosità ai limiti della percezione ad occhio nudo. Il 6 febbraio Urano termina la lunga permanenza nella costellazione dei Pesci, dove si trovava dal 2009, e fa il suo ingresso in quella dell'Ariete.



Nettuno: il pianeta è ormai praticamente inosservabile. La posizione in cielo è vicina a Venere, con cui si trova in una stretta congiunzione il giorno 21 febbraio. La bassa luminosità del pianeta richiede in ogni caso l'uso del telescopio per poterlo osservare, ma la luce del crepuscolo rende sempre più difficile il tentativo di individuarlo. A fine mese a pochi giorni dalla congiunzione con il Sole, l'osservazione di Nettuno è impossibile. Nettuno si trova ancora nella costellazione dell'Acquario, dove è destinato a rimanere per un periodo estremamente lungo, fino all'anno 2022.



Plutone
La IAU (International Astronomical Union), ha istituito (giugno 2008) la classe dei Plutoidi. Abbiamo comunque ritenuto opportuno mantenere nella nostra rubrica Plutone, capostipite di questa nuova categoria di membri del sistema solare.

il pianeta è ormai praticamente inosservabile, molto basso sull'orizzonte occidentale. La bassa luminosità del pianeta richiede in ogni caso l'uso del telescopio per poterlo osservare, ma la luce del crepuscolo serale rende sempre più difficile il tentativo di individuarlo. A fine mese, a pochi giorni dalla congiunzione con il Sole, l'osservazione di Nettuno diventa impossibile. Nettuno si trova ancora nella costellazione dell'Acquario, dove è destinato a rimanere per un periodo molto lungo, fino all'anno 2022.





CONGIUNZIONI

Virtual Tour

virtualtour

Geolocalizzazione

Il Parco Astronomico Finalità ed obiettivi Organizzazione La storia Il Progetto Prisma
Come arrivare
Scuole Gruppi/Associazioni Pubblico Feste di compleanno CRE - GREST CAMPUS estivi
Cielo di Febbraio
Eventi News
Il negozio Telescopi Binocoli Microscopi Libri Gadget e giochi scientifici Assistenza tecnica telescopi
Il Sole Luna Pianeti Stelle Nebulose Galassie Tour virtuale Astronomia e Arte Kenya - La Torre del sole all'equatore